3481 Views |  Like

Le gonne maxi, emblema della femminilità

D&G

La gonna è il capo di abbigliamento che più  fa rima con femminilità. Adatta a tutte le  occasioni e a tutte le donne. È il passepar-tout per qualsiasi tipo di evento, da quello più formale ed elegante a quello più sbarazzino e casual. Ogni donna, in base alla forma del suo corpo, predilige un certo tipo di gonna: mini, maxi, ampia, stretta, lunga, plissettata, liscia, morbida.

Sulle passerelle abbiamo visto proposte diverse e interessanti. Balmain, Michael Kors, F r a n c e s c o Scognamiglio hanno disegnato gonne a balze che come petali fasciano le gambe, volant che ad ogni falcata fluttuano nell’aria. Un richiamo gipsy che strizza l’occhio all’eleganza.

Prada, Dior e Marni giocano con tagli, spacchi e svasature. Le proporzioni sono qui il filo conduttore delle loro collezioni. C’è poi l’intramontabile longuette di Chanel che ad ogni stagione viene reinterpretata. Miu Miu e Stella McCartney propongono la loro idea di longuette a tubo, la grazia di questi capi richiama la femminilità di altri tempi.

Vivienne Westwood e Stella Jean, ispirate dall’Africa e dai suoi colori, hanno portato in passerella uno stile esotico e particolare. Le stampe e le sovrapposizioni caratterizzano i loro capi. Gonne plissettate per Gucci e Stella McCartney. Colori sgargianti, oro e nero per valorizzare le pieghe che  cadono lungo le gambe. Puglisi, Fendi ed Ermanno Scervino preferiscono scoprirle con gonne mini ricoperte di pailettes, frange o piume. Le sfilate Seventies di Saint Laurent e Alexander Wang hanno il denim come protagonista. Mini o al ginocchio la gonna di jeans torna sulle passerelle. Pizzo e tulle svolazzano sulle modelle di Blumarine, Tadashi Shoji e Vera Wang. Trasparenze che regalano scorci sensuali sulle gambe e lasciano intravedere la bellezza del corpo.

Comments

comments